ALZATI .. PER POI VOLARE

Eccomi qui. Dopo una grande cultura sulla blogosfera. Devo dire che ho trovato un sacco di siti interessanti, i miei complimenti a chi lo fa con costanza e con passione, senza eccessi di presunzione ed egocentrismo.

Dopo giorni a bazzicare qua e là, domani devo tornare al lavoro.

Quando collabori come lavoratore extra in un posto, lavorando tre giorni si e una settimana no (se non di più) è particolarmente strano. Ti senti un jolly, una pedina. E non ti senti far parte propriamente della brigata. Situazione che non trovo particolarmente carina. E’ sempre un’esperienza, questo è vero, nell’arco di questi mesi ho imparato un sacco di cose, soprattutto tecniche; ma è una sensazione davvero strana e non sempre piacevole.

Sarà che sarò donna (all’alba dei 26 anni, si può usare questo termine?!) .. forse le donne hanno percezioni più sensibili. Caratteristica che non sempre giova nel campo ristorativo, anzi. Se esprimi questa tua qualità sei fottuto/a!

E quante volte mi è capitato .. Anche a voi?

Fine 2009. Esperienza in un importante ristorante stellato, inizialmente come stagista e poi da dipendente (sottopagata, ma questo è un’altra storia). Evidentemente la Pastry Chef non era in grado o non aveva tanta voglia di lavorare. Nel periododi cambiamento della carta dei dolci per l’inizio della nuova stagione fu chiamata addirittura una persona esterna (uno può pensare a un Gianluca Fusto o simili) di non so quale “importanza”, o forse si, era il cugino dello Chef. Un gran maleducato che con prepotenza, arroganza e cafonaggine, ha trattato noi commis come vere soldatesse e totali incapaci. Del tipo “Fammi un po’ di succo di lime, sei capace????” oppure “Bravissima!!!!!!” (si con tutti quei punti di domanda ed esclamativi).

Due settimane così non stop trattate come delle vere deficienti, compresa la Pastry Chef. Quindi non era puramente un discorso di “gerarchia” o altro.

Un pomeriggio non ce l’ho fatta più. In pochi istanti mi ritrovavo in bagno a piangere. Erano gli inizi, stavo percorrendo a pochi passi il mio percorso, ma tutto quello che avevo fino a quel momento sognato, me lo sentii crollare addosso. Facendomi molto male. Una domanda continuava a frullarmi nella testa “Sono davvero capace, sono davvero portata a far questo lavoro?”. In quel momento entrai davvero in una fase depressiva-psicologica. Pensavo alla mia famiglia. Pensavo di aver buttato con le mie stesse mani le esperienze precedenti (Inghilterra soprattutto) e mi sentivo uno schifo. Per non usare un’altra parola.

Fortunatamente sono stata ascoltata e consigliata al momento giusto da una persona che aveva vissuto le mie stesse insicurezze di allora. E piano piano rinacqui. Sarà stata anche la conferma di assunzione che arrivò qualche giorno dopo.

Da quel piccolo grande regalo riuscii ad alzarmi e camminare.

E allora domani con la testa alta .. Aspettando Firenze ..

Annunci

2 pensieri riguardo “ALZATI .. PER POI VOLARE

  1. Ciao ho ricevuto l’e-mai di invito e scusami se sono con un pò di ritardo ma vengo a trovarti 😉 Come ti capisco..io amo il settore cucine ma ahimè non ci lavoro.. ho un impiego nel settore contabile lavoro in un ufficio..il mio primo vero lavoro che perderò tra qualche settimana (ma è un altra storia)… qui c’è stato un periodo in cui ho avuto delle crisi tremende, perchè il lavoro che credevo di amare pensavo di non saperlo fare e peggio ancora mi domandavo se fossi portata e “se ne fossi in grado”. C’è gente cattivissima pronta a tutto pur di farti fuori e magari senza un perchè. E al lavoro non serve che tu sia una tipetta tosta perchè riescono sempre a metterti in crisi e in difficoltà! 😦
    La mia situazione è stabile ora ho capito io chi sono e cosa so fare..il problema adesso rimane solo la situzione economica.
    Si spera 😉
    Ciao..a presto..bacioni!

  2. Sono comportamenti che fanno certamente arrabbiare e riescono a mettere in discussione anche le poche certezze faticamente conquistate..E poi non ha proprio senso trattare le persone in quel modo! Ho fatto il jolly anch’io da giovane allora mi dirturbava e non poco ma adesso son contenta perchè mi ha permesso d’ imparare tante cose. Poi le umiliazioni sono sempre state all’ordine del giorno..e a tutte le età 🙂 Ma si cerca di andare avanti senza badarci troppo credendo in tutto e per tutto in quello che abbiamo scelto di fare e che crediamo giusto per noi! Tante belle cose a te e sono sicura che arriveranno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...